Coronavirus approvazione dei Bilanci 2019

Quali sono i termini di approvazione del Bilancio 2019?

Il Decreto Cura Italia ha previsto all’articolo 106 comma 1 la possibilità di differire a 180 giorni la data per la convocazione dell’assemblea chiamata ad approvare il bilancio d’esercizio al 31/12/2019, modificando i termini ordinari previsti dal Codice Civile……essendo l’anno 2020 bisestile il termine è quindi il 28/06/2020.

E’  necessario che la previsione sia contenuta nello statuto sociale?

No, è ammessa pur in assenza della previsione statutaria o di particolari motivi previsti dal Codice Civile.

E’ necessario che il Cda si riunisca entro il termine del 31/03 comunque per approvare la bozza o per deliberare il rinvio della convocazione?

A nostro avviso, NO in entrambe i casi, la possibilità di differire l’assemblea determina di conseguenza anche lo slittamento di tutti gli altri termini….andando a ritroso e provando a fare due calcoli…. se presente l’organo di controllo, questo deve analizzare la bozza di bilancio del CDA e rilasciare la propria relazione nel termine di 15gg, poi il tutto deve essere depositato presso la sede per 15gg precedenti all’assemblea….quindi il CDA deve riunirsi 30 giorni prima del 28/06/2020.

Si tratta di una facoltà o di un obbligo?

Le società che lo ritengono e che ne hanno la possibilità possono andare ad approvare il bilancio prima rispetto a questa scadenza.

Qual è il vostro consiglio?

Non esiste una risposta univoca, dipende dalla tipologia di attività, considerando però che le regole di redazione del bilancio impongono l’informazione nella nota integrativa dei fatti di rilievo avvenuti dopo la chiusura dell’esercizio, che la valutazione delle poste di bilancio deve essere effettuata con il presupposto della continuità aziendale, considerando un prevedibile arco temporale futuro (normalmente assunto nel termine dei 12 mesi dalla chiusura dell’esercizio) e che alcuni fatti successivi alla data di chiusura dell’esercizio (esempio crisi coronavirus) potrebbero far venir meno questo presupposto, il consiglio, a meno di attività che non stiano soffrendo dell’attuale crisi, è quello di usufruire del differimento dei termini.

Che altre conseguenze ha questo differimento?

Conseguenze indirette sono il rinvio della nomina dell’organo di controllo o revisore, se in scadenza con l’approvazione del Bilancio e lo spostamento del termine del versamento delle imposte, il 31/07/2020 anziché il 30/06/2020, salvo ulteriori rinvii futuri dettati dall’emergenza coronavirus.

Lo studio rimane a disposizione……………

Giordano Boffelli Consulente per Imprese

RIGUARDO ALL'AUTORE

Giordano Boffelli Consulente per Imprese

Commenta o poni una domanda